L’idea è stata sviluppata traendo ispirazione dall’ooblek, un fluido non newtoniano (costituito da una sospensione di amido in acqua) che si indurisce in seguito a un impatto per poi tornare allo stato originario

Leggi l’articolo originale su ZEUS News – https://www.zeusnews.it/n.php?c=26631